Serie D Femminile: Ausugum – Autosarca Valle dei Laghi

postato in: Articoli | 0

Il commento alla nostra mamma chioccia EriKa Lesa:

“Dopo l’articul de le me amie e vicine di rejon Ilenia, che a la’ scrit in lenghe venit, cumo tocha a mi. E sin ladis fin Borgo Valsugana par zuia une partide che si pensave essi facil. Lor erin le quartultims in classifica, no le tiarzis in parimerito. Evin zuaid ben i primi doi set, e sin entradis in cjamp serenis, avin fa il nestri, simpri punt a punt, ma avevim dut sot kontrol, e avin siarad il set senze stracasi mase.
Poi girin il sestetto, e cambin alc insome, ma forsi ai judis no va ben, parce inizin a viodi robis che no stavin ne in cil ne par tiare. No, come simpri, piardude le concentrazion sin ladis par vacje, e no vin trovad nue di biel. Avin provad a realiza amancul doi puns ma nje di fa. Avin piardut l’occasion di esi primi a paripunti. Ce atu voe che feveli…e savin dutis che ale mior essi presint ad allenament, tirasi su le manie e
lavora dur per no piardi altri partidis e prova a zuia al mior le partidis che nu spetin.

Mi scuso per gli accenti mancanti, in friulano sono davvero tanti e non saprei nemmeno da dove tirarli fuori. Per la traduzione sono disponibile dalle ore 13 alle 14 ogni giorno, su appuntamento.”

Ausugum Borgo – Autosarca Valle dei Laghi: 3 – 2 (22/25 – 27/29 – 25/21 – 25/20 – 15/11)

Il commento al coach:

“Sarei sarcastico a dire che uscire da Borgo oggi con un punto è un buon risultato…ma purtroppo è un buon risultato…abbiamo strappato il secondo set quasi per caso, visto che eravamo largamente in vantaggio e ci siamo fatti riprendere e solo due errori loro ci hanno permesso di chiudere. Poi la loro voglia è stata sicuramente maggiore della nostra. Un problema al ginocchio a Sara ci ha tolto sicurezza in ricezione, Gloria ha fatto meglio che poteva ma anche mescolando la squadra non siamo riusciti a fare il nostro gioco. Il quinto è stato lo specchio della partita, in vantaggio sul cambio campo 8 a 5 e poi 9 a 6 ci siamo fatti prima rimontare e poi superare. Peccato che un paio di punti del quinto siano stati più frutto di errori arbitrali che punti subiti (palla difesa da Sara fischiata a terra…invasione di piede nostra sanzionata, uguale da parte opposta non sanzionata…una doppia scandalosa non sanzionata…e sì che il secondo arbitro per fortuna è stata impeccabile!) Due punti buttati sia per una chiave salvezza che inizia ad andarci un poco stretta, ma se giochiamo così sarà il nostro vero obiettivo! Adesso Termeno…….chissà…”

 

Lesa Erika